Vogliamo anche vincere il cancro che colpisce ogni anno 250mila italiani e che riguarda quasi due milioni di nostri cittadini

Ieri sono stato tutto il giorno male.
Avevo un mal di testa fortissimo.
Convivo ormai dall’aprile 2003 con malditesta quotidiani che mi hanno reso legalmente invalido. All’inizio erano un buon compromesso nei confronti del cancro (1-0 per me), ma con il passare del tempo stanno diventando un limite non indifferente alla vita “normale”.
Vabè, comunque il fatto è che ieri, sdraiato sul divano, ho ascoltato questa frase in uno dei servizi sulla manifestazione del Popolo della Libertà di B.

Automaticamente ho pensato:
“Coglione. L’unico cancro che hai la possibilità di controllare è la tua presenza politica e fisica. Sparisci, e non farci parlare più di te. Almeno un miracolo l’avrai fatto.”
Questo non è affatto motivo di vanto, ma lo penso veramente.

Annunci