Chiariamo subito: una storia molto bella, coinvolgente, intensa.
Però raccontata malissimo!
Infarcita di dettagli superflui, riportati in un’infinità di sottotrame che non non vengono ampliate e non si legano a nulla. Alcuni personaggi sembrano essere interessantissimi, ma non vengono descritti; quando altri invece sono palesemente inutili, la narrazione si sofferma riportando ingiustificate minuzie.
Sembra che alcune pagine siano state scritte solo per pompare una trama che si dilunga per più del doppio rispetto a quanto sarebbe stato necessario.
Insomma, ho fatto una fatica immensa a finirlo (tre mesi di lettura, praticamente un calvario).

Avevo deciso di archiviare la pratica Mazzantini, di non leggere più nulla. Però poi ho pensato che una seconda possibilità non si nega nessuno e ho trovato in libreria uno “Zorro” impolverato, chissà da quanto tempo è lì! Gratis per gratis…

Per chiarire: sembra che io sia il solo a pensarla come ho scritto, la maggioranza delle persone che non l’hanno letto sembrano non essere d’accordo con me. Ogni recensione parla di capolavoro e non credo dipenda solo dal nome che si porta dietro e dalla casa editrice. Quindi magari semplicemente non l’ho capito.
Magari…

P.S.
…fanculo la maggioranza…

Annunci