Su Roy Hawkins si hanno poche certezze.
Si sa che è morto nel 1973 e parlare di uno per cui l’unica certezza è la data di morte già incupisce.
Non è un caso, perchè in effetti il nostro eroe è un pò (non me ne vogliano i fan nè lui) il “masini” della situazione.
La sua carriera artistica orientata alla trishtezza. E non ho scritto male: è proprio la trishtezza, quella con la sh, che ti prende quando senti i suoi pezzi.
Che già il blues non è che sia proprio un genere allegrissimo, diciamocelo…

Lasciamo stare che magari fosse il discografico a dirgli che il triste tirava, che la malinoconia faceva vendere e così via, però nei suoi pezzi c’erano frasi del tipo “La mia casa è come un cimitero, e il mio letto è come una tomba“, “Non posso essere felice“, “La neve è caduta sulla terra fredda fredda, tristezza e miseria in tutto“. Eh!
…insomma, altro che “ci vorrebbe il mare per andare a fondo”!!!
Il climax era questo, il tappeto musicale preferito era il blues minore, ovviamente manco con la chitarrina, ma col pianoforte che così perde pure ritmica.
Ecco.

Ora che avete capito il tipo che vi ho descritto, facciamogli riprendere qualche punto.
Nella sua produzione musicale, qualche punto di eccellenza in effetti c’è.
E arriviamo al dunque…

The Thrill is Gone.

The thrill is gone,
The thrill is gone away,
The thrill is gone, baby,
The thrill is gone away,
You know you’ve done me wrong, baby,
And you’ll be sorry someday.

The thrill is gone,
It’s gone away from me,
The thrill is gone, baby,
The thrill has gone away from me,
Although I’ll still live on,
But so lonely I’ll be.

The thrill is gone,
Its gone away for good,
Oh, The thrill is gone, baby,
Its gone away for good,
Some day I know I’ll be open armed, baby,
Just like I know a man should.

You know I’m free, free now baby,
I’m free from your spell,
Well I’m free, free, free now,
I’m free from your spell,
And now that it’s all over,
All I can do is wish you well.

Si parla del momento in cui quel brivido, quella sensazione incontrollabile e piacevole che si ha quando si incontra la persona amata sparisce, quella sensazione semplicemente non c’è più.
All’improvviso qualcosa finisce, magari manca pure. Però niente, è svanita nel nulla.
E a volte toglie un peso, quella sensazione. Ma altre volte può capitare che non si veda l’ora che arrivi quel momento e finalmente si è liberi.
Ribadisco di non aver mai preso in mano una grammatica inglese, quindi magari il pezzo parla di papaveri e papere…

Tornando alla storia, questo bel bluesone minore è rimasto incollato alla trishtezza da pianoforte per una ventina di anni. Praticamente per tutto il periodo decadente (nero pareva brutto) del blues, vista la prima incisione del 1951.
Poi un bel giorno, nel 1969, tale Riley “Blues Boy” King, ha preso la sua Lucille e ci ha suonato sopra quattro-note-quattro.
Tra le più belle della storia del blues.
La vocazione del ragazzotto la conosciamo, è ballereccia (d’altra parte Memphis ha lasciato il segno). Quindi il bluesone minore si è risvegliato, si è movimentato, si è alzato in piedi e messo a ballare.
BB non ha messo mano a nulla, ci ha infilato dentro solo la sua meravigliosa anima.
Sentite voi se è cambiato qualcosa…

Un successone da ogni punto di vista.
Nel 1970 si è piazzato al terzo posto della classifica Black e al quindicesimo della classifica Pop di Billboard.

Dal punto di vista “tecnico”, la struttura armonica è semplicissima. Un Blues Minore in SI, nient’altro.
Inutile dirlo, l’hanno suonata praticamente tutti. Non c’è artista che abbia incontrato BB e non gli abbia chiesto di suonare insieme The Thrill Is Gone.
Anche Pavarotti.

Se volete il mio personalissimo e originalissimo parere, è bluesissima. E poi… ahhh… ehhh… insomma quello.

E stasera la suono pure.

Qualche video per infoltire:
BB, di nuovo: http://www.youtube.com/watch?v=4fk2prKnYnI
BB & Gary Moore: http://www.youtube.com/watch?v=lqAuuIDU2sw
BB & Tracy Chapman: http://www.youtube.com/watch?v=xVxCtt3s_1M
BB & Pavarotti (qua si ride): http://www.youtube.com/watch?v=xE_NEO2UfBQ
BB & Clapton (da giovini): http://www.youtube.com/watch?v=f6gDeGdQ3rM
(Per pura “devozione”) Slash’s Blues Ball: http://www.youtube.com/watch?v=N-PgHRunEQc

Annunci